Menu
Viaggi da Raccontare Oktoberfest 2017: 6 consigli da ERV
Viaggi da raccontare » Itinerari

Oktoberfest 2017: 6 consigli da ERV

Share on Facebook72Tweet about this on Twitter0Share on Google+0

L’Oktoberfest sta per iniziare. Dal 16 Settembre al 3 Ottobre milioni di persone si troveranno ancora una volta nel prato di Theresia a Monaco per celebrare il più grande evento folcloristico del mondo. Volete vivere al meglio questa esperienza, evitare lunghe code ai padiglioni e cimentarvi nel dialetto bavarese senza fare errori? Seguite i consigli di ERV che, essendo originaria proprio di Monaco, l’Oktoberfest lo conosce molto bene! 

1. Arrivate presto

Le persone a cui piace dormire al mattino non avranno molta fortuna all’Oktoberfest, a meno che non abbiano già prenotato un tavolo. Se andate nel weekend, cercate di essere ai padiglioni almeno 2 ore prima dell’apertura ufficiale della manifestazione, se avete optato per una visita in settimana, fate in modo di essere lì prima delle dieci.

Anche se avete un tavolo riservato non pensate di poter arrivare in ritardo: se non siete presenti all’orario prestabilito, la tendenza è quella di dare il posto a qualcun altro.

2. Fate attenzione a come è legato il fiocco del dirndl

All’Oktoberfest non esiste un dress code ma ci sono alcuni codici non scritti che è meglio conoscere, soprattutto se avete intenzione di conquistare una fanciulla in dirndl,il tipico costume della tradizione bavarese. Basta dare un’occhiata a come è legato il fiocco sul grembiule per capire se è il caso di farsi avanti o meno:

  • Fiocco a destra: mani in alto! La donna che indossa il costume è occupata
  • Fiocco a sinistra: si accettano complimenti e avances, la donna è ancora single
  • Fiocco in centro: attenzione! C’è una relazione complicata in corso

Immagine

3. Imparate le basi del dialetto bavarese

All’Oktoberfest il dialetto più usato è ancora il bavarese, anche perché il 70% dei visitatori proviene dallo stato tedesco dalle tinte blu e bianco.

Se non volete che la comunicazione sia un problema, assicuratevi di conoscere almeno la terminologia di base per ordinare da bere e da mangiare. Qui di seguito ecco un piccolo vocabolario di sopravvivenza:

  • Servus! = espressione usata per salutarsi e congedarsi
  • Maβ Bier = un litro di birra. Se invece ordinate un “Maaβ” oppure “ein groβes Bier” (una birra più grande), sarete sicuramente più apprezzati dai cittadini locali
  • Hendl = mezzo pollo arrosto
  • Brotzeit = snack fatto con pane, salsa e formaggio
  • Obazda = salsa al formaggio preparata con camembert, burro e paprika
  • Auszogne = dolci
  • An Schnupf = odorare tabacco

4. Immergetevi a pieno nel clima della festa

Si sa, l’atmosfera all’Oktoberfest è allegra e goliardica per cui se siete dei tipi formali cercate di adattarvi. I più festaioli s’incontrano nei padiglioni “Hacker” o “Schottenhamel”, mentre all’”Augustiner” potrete deliziarvi con birra artigianale che viene ospitata in botti di legno da 200 litri. Per saziare la vostra fame, dirigetevi nel tendone “Ochsenbraterei” (Spatenbräu Festhalle) dove potrete rigenerarvi con piatti a base di carne di bue. Non vi piace la birra e preferite il vino? Risolvete il problema al padiglione “Käfer” ( o “Weinzelt”) dove potrete gustare bianchi, rossi e bollicine di qualità.

5. Fate un salto al “Vecchio Wiesn”

Il “Vecchio Wiesn”, chiamato anche “Oide Wiesn”, è il vecchio prato dove si svolgeva una volta l’Oktoberfest, nella parte sud del Theresienwiese. I nostalgici amano passeggiare fra le giostre ed attrazioni di una volta, mentre bevono birra dai boccali tradizionali. Anche se più tranquillo, pianificate una visita al “Vecchio Wiesn”: ne vale la pena. Si paga una piccola quota d’ingresso (circa 3,00 €) ed è un contesto più adatto alle famiglie con bambini.

6. Pernottate in una posizione strategica

Il miglior modo per raggiungere la manifestazione è quello di usare i mezzi pubblici: treni e metropolitane passano ogni 10 minuti circa ed il servizio è erogato fino all’una di notte (fino alle due nei week-end). Quando scegliete il vostro hotel, fate quindi attenzione ad essere vicino ad una stazione dove passano le linee U4 o U5, che vi porteranno in poco tempo al Theresienwiese. Chi arriva in macchina può invece usufruire del parcheggio “Park & Ride” che si trova in periferia ed evitare il traffico del centro città. Inutile dire che ad oggi trovare una camera d’albergo per l’Oktoberfest ad un prezzo conveniente è difficile (pensateci per tempo per il prossimo anno). Quelli che hanno prenotato con largo anticipo ma hanno paura che qualche inconveniente rovini il viaggio, possono scegliere una polizza ERV come Annullamento o Stornohotel.

Siete pronti a vivere l’atmosfera dell’Oktoberfest? “O’zapft is” – “Che si aprano le danze!”

Share on Facebook72Tweet about this on Twitter0Share on Google+0